FuoriRiga, l’inclusione sociale passa dalla lettura

Lo sapevate che a Roma esiste un’associazione che promuove la cultura del libro all’interno del carcere?

La non profit in questione si chiama FuoriRiga ed è un’associazione di promozione sociale che ormai da 8 anni si occupa di gestire la biblioteca all’interno dell’Istituto Penale per Minorenni Casal del Marmo di Roma. L’obiettivo? Garantire un servizio adeguato ai bisogni dei ragazzi e delle ragazze detenute, promuovendo lo scambio tra carcere e società esterna.

Siamo soliti considerare la lettura come un momento di svago e di relax e se invece iniziassimo a vederla come un momento fondamentale di crescita e scoperta di sé? È questo il quesito che si sono posti i volontari e le volontarie di FuoRiriga quando hanno deciso di costituire l’associazione.

Come si legge dal loro sito, FuoriRiga vuole tutelare la lettura come diritto fondamentale e assicurare il prestito bibliotecario all’interno dell’istituto penale, veicolando tra i giovani la cultura del libro come bene comune.

La passione per la cultura e la convinzione che questa sia uno strumento indispensabile per agire sulla realtà ha portato l’associazione ad organizzare negli anni diverse attività culturali e laboratoriali, con il fine di valorizzare le relazioni interpersonale per costruire nuovi significati di riscatto e inclusione sociale.

I progetti portati avanti dall’associazione sono molti e si sviluppano sia all’interno che all’esterno delle mura carcerarie, come i laboratori nelle scuole, le attività all’interno della biblioteca e le borse lavoro, nell’ottica di favorire l’inclusione di chi vive in condizioni di marginalità e in contesti di devianza.

Pensate che i volontari e le volontarie di FuroiRiga sono riusciti a raccogliere e ad inventariare più di 7000 volumi all’interno del carcere: un patrimonio librario importantissimo, se consideriamo le difficoltà burocratiche degli istituti penitenziari. Ma attenzione, l’associazione non vuole fungere da svuota cantine! Per poter donare i propri libri alla biblioteca carceraria, i volumi devono rispondere a determinati requisiti: FuoriRiga ha redatto un vero e proprio “vademecum del buon donatore di libri”.

Oggi, dopo quasi 10 anni di attività, l’associazione ha voglia di fare un passo in più per coinvolgere nuovi volontari e farsi conoscere a livello territoriale. Da qui l’idea di chiedere aiuto Happy Angel per trovare videomaker volontari in grado di realizzare un video che racconti la storia dell’associazione, la funzione della biblioteca e le sue attività culturali in stretto contatto con i minori detenuti.

Se pensi di essere la persona giusta per FuoriRiga, clicca subito qui e inizia la tua esperienza di volontariato digitale con Happy Angel!

Autore

Redazione Happy Angel
Vi raccontiamo il mondo del Volontariato, dal punto di vista di chi lo fa ogni giorno

Lascia un commento

Scarica il contenuto!